Video di Con.Corrente ed Emission-e

Con.Corrente in Piazza Vittorio Veneto il 5 e 6 ottobre!!!

GUARDATE IL VIDEO!!!

Scarica il programma!

Torino promuove “Missione Auto” il 5 e 6 ottobre. La capitale dell’auto per antonomasia ospitèrà la manifestazione voluta dall’Associazione per una mobilità equa e responsabile “Due giorni per denunciare le continue vessazioni sull’auto, proporre analisi e soluzioni concrete per superare la crisi del settore, riscoprire l’emozione e la passione per le quattro ruote”. Le premesse sono chiare e l’evento si svolgerà tra il Circolo dei Lettori, uno dei principali luoghi d’incontro del mondo della cultura, e nel cuore della città, a piazza Vittorio Veneto dove saranno ospitate le attività per il pubblico.

I lavori saranno aperti dal presidente di Amoer, Pierluigi Bonora e dal saluto del sindaco Piero Fassino e anche le altre istituzioni locali saranno chiamate al confronto nel corso dell’evento per ribadire la rilevanza strategica sul fronte economico, occupazionale e sociale che questo comparto riveste per il capoluogo e per il territorio.

Nel corso della manifestazione si confronteranno esperti del mondo scientifico, universitario, giornalistico e imprenditoriale su temi di stretta attualità per il settore automotive e per la mobilità più in generale, su un doppio filo conduttore: “La continua vessazione fiscale nei confronti degli automobilisti”, “L’industria dell’auto in forte sofferenza frena lo sviluppo del Paese. Le gravi ripercussioni sull’occupazione”.

Secondo Pierluigi Bonora, presidente di Amoer: “Da quattro anni siamo impegnati nel contrastare l’opera di vessazione dell’auto e dei suoi utilizzatori condotta su più fronti e che, via via si accentua, per nascondere ritardi infrastrutturali e inadempienze da parte delle istituzioni. Ecco perché vogliamo individuare, insieme a tutti gli operatori della filiera e alle istituzioni stesse, soluzioni e proposte concrete a favore di una mobilità equa e responsabile. Far riscoprire l’emozione e la passione per le quattro ruote, soprattutto nei giovani, oggetto di strumentalizzazioni politiche e soggetti a una sorta di lavaggio del cervello contro la mobilità a motore, è la nostra parola d’ordine. Sono questi gli argomenti che tratteremo il 5 e 6 ottobre a Torino in occasione dell’evento “Missione Auto” a cui tutti sono invitati a partecipare”.

Nel nutrito programma dell’evento spiccano l’incontro con il sociologo Francesco Alberoni per analizzare i risultati di una ricerca di AlixPartners, illustrata dal director Giacomo Mori su “Come vivono l’auto i giovani, tra connessione irrinunciabile e gestione dello spostamento” (5 ottobre pomeriggio); l’intervista al ministro dell’Ambiente, Corrado Clini sul tema “Auto motore dell’economia, eppure…”. Il ministro sarà chiamato a spiegare, tra le altre cose, il motivo dell’accanimento del Governo verso il settore, nonostante il contributo determinante che l’automotive assicura all’economia e all’occupazione (6 ottobre mattina).

E poi ancora la sottoscrizione del Manifesto dell’Automotive, promulgato dalla “Task Force” di Amoer che nascerà proprio in occasione di “Missione Auto” (6 ottobre mattina), il talk show, che vedrà protagonista tutta la filiera della mobilità con rappresentanti di case auto, concessionari, noleggiatori e leasing: “La mobilità tra innovazione, tecnologia responsabile, crisi e vessazioni fiscali” (6 ottobre mattina), e il talk show sul tema “Smart City, dalle parole ai fatti” dove ricerca, pubblico e privato analizzeranno come solo dalla loro stretta collaborazione può nascere una mobilità sostenibile costituita da progetti concreti (6 ottobre pomeriggio). Gli organizzatori inoltre invitano gli automobilisti che si sentono vessati a sottoscrivere uno specifico “manifesto” presso il gazebo allestito in piazza Vittorio, mentre per il pubblico sarà disponibile anche un’area dedicata ai test drive di una decina di modelli per far toccare con mano come l’innovazione tecnologica ha reso virtuose non solo le vetture a basse e zero emissioni, ma anche le ammiraglie e i Suv. Previste altre attività formative, come la guida con i quadricicli elettrici e i test di biciclette a pedalata assistita e scooter elettrici.